Stop all’alluminio dalla Russia: EA – European Aluminium chiede il blocco delle importazioni nell’Unione Europea

Fermare le importazioni di alluminio dalla Russia. E’ quanto ha chiesto ai vertici dell’Unione Europea con un comunicato reso pubblico lo scorso marzo EA – European Aluminium, l’organizzazione che rappresenta, a livello continentale, l’industria del metallo leggero, raccogliendo i produttori di alluminio primario e secondario (da riciclo), i produttori a valle e le associazioni imprenditoriali nazionali di questa filiera. I tempi sarebbero maturi, visto che l’Europa si è ormai dimostrata capace di soddisfare la crescente domanda di questa materia prima strategica.

“L’industria europea dell’alluminio ha già ridotto significativamente la propria dipendenza dalle importazioni di metallo russo, con un calo del 34% nel 2023 rispetto all’anno precedente – afferma EA – ed è per questo che incoraggiamo ora le istituzioni comunitarie ad ampliare la portata delle sanzioni a tutte le principali categorie di prodotti in metallo leggero, come billette e lingotti, che costituiscono l’85% dell’import UE dalla Russia”.

Continuando a rafforzare il sistema di recupero e riciclo e aumentando in questo modo le singole capacità produttive nazionali, l’industria europea dell’alluminio sarà sempre più in grado di soddisfare la crescente domanda di metallo leggero garantendo allo stesso tempo la propria, indispensabile autonomia strategica.